martedì 27 maggio 2008

Che Islanda sarà?

Manca meno di un mese alla partenza del primo viaggio in Islanda dell'estate 2008. I gruppi sono ormai in gran parte formati, fervono i preparativi. Cosa succede nel frattempo lassù? Chi saranno gli accompagnatori dei singoli viaggi? Come si presentano, oggi, i luoghi che ci ospiteranno? Vieni a scoprirlo.

2 commenti:

90° EST ha detto...

Accompagnatori
Paolo Cortini seguirà i gruppi del 21 giugno, del 5 luglio e del 2 agosto. Filippo Camerlenghi sarà con il gruppo del 19 luglio, mentre Andrea Rizzello sarà in Islanda con il gruppo del 16 agosto. Chi sono costoro? Sono tutti geologi. Paolo è il fondatore di 90° EST. Oltre a trascorrere molto tempo in Islanda si occupa di rilevamento geologico per la cartografia del Servizio Geologico d'Italia. Filippo è vicepresidente dell'Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche, si occupa di formazione e didattica ambientale e cura progetti di turismo sostenibile per alcuni Tour Operator. Andrea Rizzello è uno dei massimi esperti in Italia di Global Positioning System (GPS) e di Geographic Information System (GIS). Ha al suo attivo numerosi progetti innovativi, destinati alle pubbliche amministrazioni e al turismo, in cui GPS e GIS interagiscono.
Meteo
Con l'approssimarsi del solstizio d'estate l'Islanda è già da tempo nel periodo di massima luminosità. L'oscurità notturna è un ricordo lontano. Basta guardare le webcam: luce a tutte le ore. Se a questo aggiungiamo che la primavera sta portando giornate davvero tiepide (ben oltre i 20°C) concludiamo che la stagione promette bene. La stagione fredda appena terminata ha, però, lasciato un manto nevoso davvero consistente che, specialmente all'interno, ricopre ancora gran parte del territorio. Il disgelo rende attualmente impraticabili le strade degli altopiani. Fonti locali ci comunicano che l'apertura delle prime "F" (la sigla "F" indica le strade sterrate dell'interno) è prevista per i primi di giugno. La prima ad essere dichiarata percorribile sarà probabilmente la F35, quella che percorreremo nei primi due viaggi.
Per chi volesse seguire l'evoluzione meteo e le condizioni di viabilità in Islanda segnaliamo:
http://en.vedur.is/
http://www.vegagerdin.is/english/road-conditions-and-weather/
Attività sismica e vulcanica
Persiste da anni uno stato di relativa quiete sismica. Nel corso dell'autunno e dell'inverno aveva destato qualche preoccupazione un antico vulcano a Est di Askja, ma l'allarme sembra rientrato. Non mancano i tremori nelle zone classiche di Hveragerdi (a Sud), Bardarbunga (sul settore nord occidentale del Vatnajokull) e Askja. L'estate scorsa abbiamo avuto l'impressione che la temperatura dell'acqua nelle sorgenti calde balneabili fosse sensibilmente più elevata che in passato. Sarà ancora così? Fra tre settimane ci toglieremo il dubbio.
Tutto tranquillo anche per quanto riguarda l'attività vulcanica.
Aurora boreale
Si dice che siamo in una fase di "minimo solare", quindi, in teoria, non favorevole allo sviluppo dell'aurora boreale. In realtà l'abbiamo sempre vista, se ben ricordo, a partire dai primi di agosto, quando l'oscurità notturna torna a fare capolino. Sarà così anche quest'anno.
Ciao

Andrea ha detto...

Per quanto riguarda l'aurora Boreale, confermo quanto dice l'espertissimo Paolo. Anche se durante il nostro soggiorno in Islanda c'erano persone che la mattina si vantavano di aver visto aurore boreali meravigliose, e dalla loro avevano delle foto che effettivamente "a prima vista" confermavano la visione.