lunedì 23 maggio 2011

Islanda 2011 - Considerazioni di una guida

Le prime fasi dell'eruzione
di Grímsvötn. 21 maggio 2011
Trascorro in Islanda circa due mesi all'anno da quasi dieci anni. Ogni volta la stessa magia, ogni viaggio è un racconto che si dipana lentamente. "Ma non ti sei ancora stufato?" No, perché le emozioni cambiano con le persone con cui le condividi, e negli altopiani le mozioni sono davvero forti. E' bello leggerle negli occhi di chi stai accompagnando. Se venissi in Islanda capiresti.
L'estate 2011 potrebbe essere veramente unica anche per chi trascorre così tanto tempo in Islanda. Da alcuni anni cerchiamo l'aurora boreale per ore ogni notte serena di agosto, a volte anche a fine luglio, la raccontiamo a parole, ma lei non ha piacere di mostrarsi, tace inesorabilmente. Questo sembra l'anno buono. Il Sole ha ripreso con violenza la sua attività magnetica e fino a tutto marzo l'aurora boreale è ritornata in grande stile. Ora c'è troppa luce, ma da fine luglio le condizioni saranno di nuovo favorevoli. Saremo lì con il naso per aria e forse, finalmente, potremo smettere di parlare e lasciare che lo faccia lei per noi.
Poi c'è il vulcano Grímsvötn. Ne abbiamo parlato ad ogni viaggio in questi dieci anni, cercando di descriverne la potenza e la bellezza, mostrando vecchi filmati dell'eruzione del 1996. L'abbiamo mancato per pochi giorni nel 2004 quando si è fatto vivo per l'ultima volta. Nell'estate 2010 dell'eruzione dell'Eyjafjallajökull restava uno sbuffo di vapore che si distingueva a fatica dalle nubi. Forse questa volta arriveremo in tempo per vedere almeno la fine dell'eruzione Grímsvötn. Se così fosse sarebbe di nuovo un'altra Islanda, ancora più viva, ancora una volta.
Manca poco.

5 commenti:

Ale preoccupata... ha detto...

L'eruzione del Grimsvotn ci permetterà di arrivare in Islanda?

90° EST ha detto...

Cara Ale,
non farci fare previsioni che porta male.
Ne parlavamo poco fa fra di noi e con un nostro amico in Islanda: chissà perché ai vulcani piace la primavera, ultimamente. O l'autunno, comunque quando non siamo in Islanda. Forse è un bene, chi lo sa...
Davvero non ti piacerebbe assistere ad uno spettacolo come questo?
http://www.youtube.com/watch?v=wZEaxP5jBXM&
A me, sinceramente, sì.
Ciao
Paolo

Anonimo ha detto...

La cosa più eccitante che ci può capitare? Essere trattenuti sull'isola dagli sbuffi del "nostro amico brontolone"che tossisce sullo spazio aereo del rientro! Sono fiduciosa, a costo di andarci a nuoto.
Forza Grimsvotn, preparaci lo spettacolo! Francesca

90° EST ha detto...

Non nascondo un filo di pelle d'oca lungo la schiena. Vedo che per qualcuno il racconto del viaggio è già cominciato ;)
P

antonella ha detto...

troppo presto per assistere all'aurora boreale e troppo tardi per godere dello spettacolo di una eruzione dal vivo, ma in tempo per capire perchè di questo spettacolo della natura ci si possa non stancare e continuare a goderne negli anni