domenica 9 settembre 2012

L'estate perfetta?



Che estate...
Breve resoconto della nostra estate islandese.
Tre fantastici gruppi di viaggiatori sereni, entusiasti, curiosi. Un clima mai visto: quattro giorni di pioggia, se la memoria non inganna, in un mese e mezzo, più qualche innocua pioviggine passeggera. Temperature elevate, tanto da permettere bagni nell'oceano, nei laghi degli altopiani e addirittura nel fiume di Fossardalur (Valle delle Cascate). Vuol dire che c'è stato sempre il sole? No, com'è ovvio che sia in Islanda, ma che l'esperienza, ormai, ci ha insegnato a trarre il massimo dal clima islandese.
Così abbiamo potuto camminare sotto il sole a Skaftafell, mentre altrove infuriava la bufera. Altrettanto nei fiordi orientali. Buona sorte, certo, ma anche un pizzico di esperienza. Merito anche dei nostri mezzi 4X4 che, per esempio, ci hanno permesso di divertirci a volontà durante i giorni della tempesta di sabbia che ha sferzato gli altopiani centrali intorno al 10 agosto. Cosa avremmo fatto con veicoli di serie? Nulla, saremmo rimasti chiusi nel rifugio. Invece abbiamo corso lungo la Gæsavatnaleið (la temibile pista che corre lungo il fronte settentrionale del Vatnajökull) come se nulla fosse, godendo di suggestioni "africane" in luoghi che sarebbero difficili da raggiungere anche in condizioni ottimali.
Due nuovi collaboratori locali ci hanno affiancato in questa estate 2012: Trausti dal 4 al 18 agosto e Dassi dal 18 agosto all'1 settembre. Simpatici, precisi, capaci, disponibili. Difficile immaginare di più. Torneranno con noi la prossima estate.
Come consuetudine abbiamo esplorato alcune località per noi ancora sconosciute.
Korpudalur, nei Fiordi Occidentali. Una valle bellissima, ampia e soleggiata, con una guesthouse piccola ed accogliente come una casa di campagna inglese. Entra stabilmente nella lista delle località raggiunte nel viaggio nei Fiordi.
Le montagne fra Seyðisfjörður e Bakkagerði, nei Fiordi Orientali. Una meraviglia di fenomeni geologici imponenti, baie oceaniche accoglienti e deserte, paesaggi incantevoli...ancora una volta i luoghi più sconosciuti, in Islanda, regalano grandi emozioni. Anche queste montagne entrano a far parte delle località da toccare, anche solo per una notte, nei viaggi che raggiungono la costa orientale.

Nessun commento: