lunedì 20 ottobre 2014

Aurora Boreale: perché in Islanda?

L'Aurora Boreale, spettacolare fenomeno naturale dell'alta atmosfera, è visibile alle alte latitudini in condizioni di cielo sereno, scuro e in presenza di intensa attività magnetica sul Sole (qui, qui e qui abbiamo dettagliatamente affrontato questi argomenti). Chi vuole osservare questa meraviglia del cielo deve innanzitutto trovarsi alla giusta latitudine, che corrisponde a quella del circolo polare artico. Le probabilità di successo diminuiscono spostandosi a latitudini più settentrionali o più meridionali. Non è quindi vero che più a nord si va, meglio è.
Fra tutte le terre che si collocano alla latitudine più favorevole 90° EST sceglie l'Islanda per i propri viaggi a caccia di aurore boreali. Perché? Perché, a differenza di altre destinazioni, l'Islanda offre un paesaggio invernale artico fra i più spettacolari dell'intero Pianeta, perché la costa islandese regala una varietà di scenari unica al mondo ed è perfettamente percorribile anche in pieno inverno. Un viaggio invernale a caccia di aurore boreali in Islanda è un'esperienza straordinaria anche per ciò che si può vedere di giorno, oltre che di notte.
E' convinzione diffusa che in Islanda in inverno sia sempre buio. Non è così. A metà febbraio il sole sorge alle 9.20 e tramonta alle 18.00. Nove ore di luce piena per godere delle bellezze paesaggistiche di una terra unica e le giuste ore di oscurità per osservare l'aurora boreale. Questa si sviluppa infatti in un lasso di tempo di sei ore a cavallo della mezzanotte locale. Inutile avere oscurità alle 4 del pomeriggio: bisognerà comunque attendere almeno le nove di sera. Qui puoi trovare gli orari di alba e tramonto in Islanda nel corso dell'anno. Questo è il viaggio che ti proponiamo dal 20 al 27 febbraio, dall'1 all'8 marzo e dal 19 al 26 marzo.
La nostra galleria di immagini invernali dall'Islanda:




Nessun commento: